Category

Dolci e Dessert

Granola homemade veloce e facilissima!

La colazione è il pasto più importante della giornata. Da ragazza era sufficiente un caffè, qualche biscotto e via al lavoro. Ho capito l’importanza della colazione che ti permette di partire con il piede giusto, quando sono nate le bimbe. Chi la preferisce salata, chi dolce, ad ognuno la sua. Noi cerchiamo di cambiare spesso, una torta o una crostata preparate da noi oppure pane burro e marmellata, qualche volta un ovetto strapazzato, o lo yogurt. Preparare la granola in casa ti permette di utilizzare gli ingredienti in base ai gusti e a ciò che hai in dispensa. Con questa quantità riempi due barattoli da 500 grammi e si conserva per 10/15 gg. La consumi con lo yogurt ma è buonissima anche da sola.


Ingredienti:
200 gr di frutta secca mista e semi ( io ho usato nocciole e mandorle, semi di zucca, di girasole e di sesamo)
150 gr di fiocchi d’orzo interi che puoi sostituire con i fiocchi d’avena per la versione glutenfree (acquistati al molino Bertolini di Caprino Veronese),
60 gr di mirtilli rossi disidratati,
60 gr di sciroppo d’acero,
60 gr di acqua naturale,
30 gr di olio di semi di girasole,
1 cucchiaio di miele millefiori (per me miele Campagnari) http://www.mielecampagnari.it

Procedimento: trita in maniera grossolana la frutta secca, deve rimanere a pezzi. Mettila in una ciotola, unisci i semi e i fiocchi d’orzo. Nel frattempo in una casseruola a fuoco moderato metti a scaldare l’acqua, aggiungi l’olio di semi, lo sciroppo d’acero e il miele, mescoli per far sciogliere bene, deve sembrare uno sciroppo.

Spegni il fuoco e versa i fiocchi d’orzo, la frutta secca e i semini. Mescola bene per amalgamare il composto. Trasferisci sulla placca del forno rivestita di carta e distribuisci bene.

Fai asciugare in forno statico a 160 gradi per 20 minuti circa, mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno. Cinque minuti prima di fine cottura aggiungi i mirtilli disidratati. Terminata la cottura in forno fai raffreddare. Una volta fredda, se vuoi, aggiungi del cioccolato tritato al latte o fondente.

Trasferisci in barattoli di vetro e chiudi bene.

Provala, non riuscirai più a farne a meno!

Galani veneti, ricetta di carnevale

Si avvicina il carnevale, sulla mia tavola non possono mancare i galani! Hanno un nome diverso in ogni parte d’Italia, sossole, chiacchiere, bugie crostoli,frappe… In passato venivano cotte nello strutto, io utilizzo l’olio di semi di arachidi. Si preparano con ingredienti semplici che di solito abbiamo in casa.


Ingredienti per circa una sessantina di pezzi:
500 gr di farina (io ho usato 400 gr di farina 1, 100 gr di farina di riso)
2 uova,
50 gr di burro,
100 gr di zucchero,
buccia di arancia grattugiata,
un bicchiere di vino bianco (io ho usato un Pinot della cantina Poggio delle Grazie di Castelnuovo del Garda http://www.poggiodellegrazie.it ),
lievito per dolci (due cucchiaini),
mezzo bicchierino di grappa (rum o liquore)
un pizzico di sale,
olio di semi di arachidi,
zucchero a velo.
Procedimento: in una ciotola capiente sbatti le uova con lo zucchero, aggiungi il burro morbido o leggermente sciolto (a temperatura ambiente, non caldo ) la buccia di arancia grattugiata e mescola bene con una frusta.

Aggiungi il vino, il pizzico di sale, la farina, il lievito e la grappa o il liquore. Mescola bene con un cucchiaio di legno per amalgamare gli ingredienti.

Trasferisci l’impasto sul piano di lavoro e impasta bene. Metti a riposare coperto con uno strofinaccio per mezz’ora. Trascorso il riposo dividi l’impasto in 6/8 pezzi e passali con la macchinetta della pasta, la nonna papera, cercando di ottenere delle sfoglie molto sottili. Con la rotella taglia ogni sfoglia a losanghe ed incidile nel mezzo.

Cuoci in una casseruola con abbondante olio di semi, pochi per volta, girandoli spesso. Trasferisci su carta assorbente e spolvera, con lo zucchero a velo una volta che sono diventati freddi.

Un consiglio, per evitare che risultino unti li passo più volte sulla carta assorbente, cambiandola spesso durante la cottura. Per un effetto cromatico goloso, ad un terzo dell’impasto prima del riposo ho aggiunto un cucchiaino di cacao amaro e poco latte, ho impastato e messo a riposare. Abbiamo mangiato così dei galani tigrati, molto simpatici da vedere!

Dolce alla barbabietola e cacao

Ero abituata a pensare alla barbabietola nelle ricette salate, la immaginavo in un risotto cremoso oppure a colorare una vellutata invernale…invece è un ingrediente perfetto da abbinare al cioccolato in un dolce. Immaginavo che il sapore della barbabietola si sentisse particolarmente invece il risultato è molto delicato, un colore stupendo prima della cottura e rimane morbida, se coperta, per alcuni giorni. Ho utilizzato la barbabietola cotta per velocizzare la preparazione e l’ho resa glutenfree mixando farina di riso e farina di grano saraceno. Non avendo glutine tende a sbriciolarsi un po’ ma non risulta secca.


Ecco la ricetta per uno stampo da 24 cm di diametro:
200 gr di barbabietola cotta,
2 uova,
200 gr di zucchero,
200 ml di olio di semi,
200 gr di farina 00 ( per me 150 gr di farina di riso e 50 gr di farina di grano saraceno),
75 gr di cacao amaro,
un pizzico di sale,
un pizzico di bicarbonato,
una bustina di vanillina,
mezza bustina di lievito per dolci.
Procedimento: tritare la barbabietola cotta al mixer o con un mini pimer.

In una terrina mescolare la barbabietola frullata con l’olio di semi e aggiungere le uova e lo zucchero.

Continuare a mescolare ed aggiungere le polveri setacciate (farine, sale, bicarbonato, cacao, vanillina e lievito. Trasferire nello stampo da ciambella ben oliato ed infarinato.

Cuocere in forno statico già caldo alla temperatura di 180 gradi per 45/50 minuti. Fare la prova stecchino prima di sfornare. Una volta raffreddato sistemare il dolce su un piatto di portata e coprire di zucchero a velo.

Di la verità… avresti mai pensato che la barbabietola è buonissima in un dolce al cioccolato?

Biscotti di Natale (frollini golosi)

Questo è il periodo dell’anno in cui faccio più spesso i biscotti, vuoi perché è il mese di Santa Lucia con i suoi famosi frollini, vuoi perché con le vacanze alle porte ho un po’ di tempo a disposizione, capita spesso che facciamo la frolla per i biscotti. E’ semplice da fare e veloce mi organizzo per tempo, la preparo la sera prima così riposa tutta la notte in frigo e poi largo alla fantasia, ogni anno acquisto qualche stampino nuovo, non avendoli a disposizione si può comunque improvvisare, basta un bicchiere oppure la rotella. Anche gli ingredienti si possono variare, capita a volte che per terminare più tipi di farine faccio un mix. Si possono ulteriormente personalizzare magari aggiungendo delle gocce di cioccolato oppure sostituendo parte della farina con il cacao amaro.


Ingredienti per 40 frollini:
300 gr di farina ( un mix di farina di riso, farina di mais, di castagne e di farro)
buccia grattugiata di agrumi ( limone, arancia o mandarino)
70 gr di zucchero a velo,
120 gr di burro a cubetti (freddo),
1 uovo e 1 tuorlo,
1 pizzico di sale,
zucchero a velo per decorare.
Utilizzare un robot o frullatore, tritare le bucce degli agrumi con lo zucchero, aggiungere le farine, il pizzico di sale, il burro a cubetti, le uova e mescolare fino ad ottenere la pasta frolla. Coprire l’impasto con la pellicola e far risposare in frigo per almeno un’ora. Trascorso il riposo, con l’aiuto di un matterello e un po’ di farina stendere la frolla allo spessore di pochi mm, ritagliare con gli stampini i biscotti.

Trasferire sulla placca coperta di carta forno.

Cuocere in forno caldo alla temperatura di 180 gradi per 15 minuti circa. I biscotti non devono scurire troppo. Far raffreddare e spolverare di zucchero a velo.

Che bontà!

Ciambella alle pere, nocciole, miele di castagno e rum

Oggi prepariamo la ciambella cotta nel fornetto versilia… torno a scrivere sul blog con una ricetta semplice e golosa a prova di principiante, la famosa 7 vasetti (forse qualcosa in meno a dir il vero) basta un vasetto di yogurt come unità di misura ed il gioco è fatto! Ho arricchito la base con frutta di stagione matura al punto giusto, dell’ottimo miele al castagno della zona, dell’apicoltura biologica di Luca Campagnari http://www.mielecampagnari.it una manciata di nocciole tritate e del buon rum. Occhio di riguardo alle farine, sapete che ho da tempo sostituito la comune farina 00 con farina di tipo 1 macinata a pietra, in questa ricetta l’ho mixata a farina di riso e farina di grano saraceno che hanno contribuito a profumare ulteriormente il dolce.

Ovviamente potete usare la farina che avete in casa senza problemi vi consiglio però di provare le farine meno raffinate per me e’ stato amore a prima vista. Mi piace pensare che il dolce se preparato con ingredienti di qualità come questi ce lo possiamo concedere un po’ più spesso.
Ecco la ricetta della mia ciambella:
3 uova a temperatura ambiente,
2 vasetti di zucchero (io ne ho usato solo uno perché non amo i dolci troppo dolci,
2 cucchiai di miele di castagno,
1 vasetto di yogurt bianco naturale,
3 vasetti di farina ( 1 e 1/2 di farina tipo 1, 1 vasetto di farina di riso e 1/2 vasetto di farina di grano saraceno),
1 vasetto di olio di semi,
mezzo bicchierino di rum,
1 pizzico di sale,
1 bustina di lievito,
1 pera abate medio/grande oppure due piccoline al giusto punto di maturazione,
1 manciata di nocciole da tritare al coltello,
zucchero a velo per completare;
Procedimento: sbattiamo le uova a temperatura ambiente con lo zucchero ed il miele fino a che diventeranno spumose, aggiungiamo lo yogurt, il rum e l’olio di semi continuando a mescolare. Aggiungiamo il pizzico di sale e le farine precedentemente setacciate con la bustina di lievito. Mescoliamo bene e trasferiamo nello stampo che abbiamo unto in precedenza con olio di semi o burro e infarinato. Completiamo con le fettine di pera tagliate sottili in superficie e con le nocciole tritate in maniera grossolana, io le preferisco così, ovviamente si possono tritate con un mixer per ridurle in granella e si possono sostituire a piacere con altra frutta secca oppure con del cioccolato.

Cuocere per circa 40/45 minuti in forno statico a 170/180 gradi, io ho usato il fornetto sul gas per lo stesso tempo, con fuoco medio per i primi 5 minuti abbassando di un po’ la fiamma per il restante tempo. Attendere il raffreddamento del dolce e coprire di zucchero a velo!

Buona ciambella a tutti!

Torta con biscotti secchi di recupero

Capita anche a voi di avere in dispensa biscotti spezzettati o che nessuno vuole più mangiare? Questa è la ricetta che fa al caso vostro. In questo periodo di stacco forzato dal lavoro e da qualsiasi forma sociale fisica sto cercando di sfruttare nel migliore dei modi il tempo, oltre ovviamente a coccolare le mie ragazze, sto facendo pulizie approfondite e riordino di armadi e dispense.

Da qui l’idea di questa torta che mi permettesse di usare i fondi dei sacchetti di biscotti rotti , sbriciolati o semplicemente quelli che non si ha più voglia di mangiare perché mi dispiace un sacco sprecare il cibo, a questo proposito ci sono un sacco di idee su https://www.nonsprecare.it/sezione/mangiare/cucina-degli-avanzi per utilizzare ciò che ci rimane da altre preparazioni oppure per dare nuova vita a ingredienti non più freschissimi.

Ricetta per uno stampo da 24 cm:
150 gr di biscotti di qualsiasi tipo anche i (io ho usato biscotti integrali),
2 uova,
150/180 gr di zucchero (io ne ho usati 150 dato che preferisco i dolci non troppo zuccherati)
200 gr di farina ( io ho usato 100 gr di farina 1 e 100 gr di farina di farro),
200 ml di latte intero o p.s.,
50 ml di olio di semi,
2 cucchiai di cacao,
un pizzico di sale,
una bustina di lievito vanigliato,
50 gr di cioccolato fondente,
30 gr di frutta secca tagliata al coltello o tritata (io mandorle),
qualche cucchiaio di rum o liquore (facoltativo)
zucchero a velo per decorare.

Procedimento: tritare i biscotti al mixer per ridurli in farina.

Sbattere le uova con lo zucchero per alcuni minuti fino a rendere il composto spumoso. Aggiungere l’olio di semi, il latte a temperatura ambiente ed eventualmente il liquore mescolando bene per far amalgamare il composto. Aggiungere la farina setacciata con il lievito, il cacao, il pizzico di sale e i biscotti sbriciolati continuando a mescolare.
Trasferire nello stampo oliato e infarinato o coperto di carta forno.

Completare in superficie con il cioccolato fondente e la frutta secca tagliati al coltello.

Cuocere in forno caldo a 180 gradi modalità statico per 40 minuti, effettuando a fine cottura la prova stecchino. Per la cottura nel fornetto sul gas il tempo rimane uguale, sul fornello medio a fuoco vivace i primi 5 minuti e abbassando di poco per il restante tempo.

Servire cosparsa di zucchero a velo!

Torta golosa di carote glutenfree

Quanto è buona la torta di carote? A me piace un sacco.. ho provato e riprovato molte ricette prima di arrivare a questa che mi sembra perfetta. Adatta ai celiaci perché ho usato farina di riso della riseria melotti http://www.melotti.it e di grano saraceno che conferisce ai dolci un gusto rustico e profumato. Normalmente si usa per le torte da farcire con marmellata ai frutti rossi tipiche del Trentino. Questa versione è buonissima semplice anche senza il cioccolato e le nocciole che possono essere sostituite con noci o mandorle in base ai gusti. Sta a voi provare la versione che preferite.
Ingredienti per una ciambella di 26 cm di diametro:
3 uova,
180 gr di zucchero semolato,
300 gr di carote,
150 gr di olio di semi o di oliva leggero,
120 gr di farina di riso,
120 gr di farina di grano saraceno,
mezza bustina di lievito vanigliato,
50 gr di cioccolato fondente,
50 gr di nocciole tostate.
Procedimento: lavare e sbucciare le carote tagliarle a pezzi e frullare nel mixer assieme all’olio, dobbiamo ottenere una cremina. A parte montare le uova con lo zucchero per qualche minuto, giusto il tempo che si gonfino bene, aggiungere alle uova montate la crema di carote e le farine setacciate trai di loro con il lievito mescolando bene.

adoro questi colori… mi mettono di buonumore!

Trasferire il composto in uno stampo imburrato e infarinato oppure coperto di carta forno.

Completare con le nocciole e il cioccolato tritati al coltello oppure al mixer in base alla consistenza che volete ottenere, io le preferisco tritate grossolanamente, danno l’idea del goloso.

Che dite, non è bella?

Cuocere il forno caldo alla temperatura di 180 gradi modalità statica per 45/50 minuti. Io l’ho cotta nel fornetto sul gas per lo stesso tempo a fornello medio basso. Fare la prova stecchino prima di sfornare!

La colazione è pronta!

Torta Angelica la mia ricetta di Natale

Da un sacco di tempo volevo provare l’angelica, dolce lievitato golosamente ripieno di uvetta e scorza d’arancio candita. E’ la classica ricetta di Natale, il ripieno di uvetta e scorza d’arancia porta subito il pensiero a questo periodo. Sono partita da una ricetta di Barbara, alias lapanificatricefolle e con qualche piccola modifica ho preparato la mia prima angelica. Dolce di questa domenica, durante il trasporto in auto direzione casa dei nonni ci ha allietato con un delizioso profumo di lievitato. Assolutamente da rifare al più presto.


Di seguito gli ingredienti:
400 gr di farina di forza (io ho usato farine di molino grassi, 100 gr di Manitoba, 200 gr di farina campi bio quinoa e grano, 100 gr di farina del miracolo),
120 gr di latte tiepido,
75 gr di zucchero,
160 gr di lievito madre rinfrescato (sostituibile con mezzo cubetto di lievito),
un pizzico di sale,
3 tuorli d’uovo,
120 gr di burro.
Per il ripieno:
75 gr di uvetta,
75 gr di arancia candita,
burro per spennellare q.b.
qualche cucchiaio di marmellata agli agrumi con zenzero di Boschetti Alimentare,
zucchero a velo per guarnire.
Procedimento: nella planetaria sciogliere il lievito nel latte tiepido, aggiungere la farina, lo zucchero, i tuorli d’uovo, il pizzico di sale ed impastare. Mentre l’impastatrice è in funzione aggiungere il burro morbido a cubetti facendolo amalgamare bene ottenendo un impasto liscio.

Ecco l’impasto e le farine di Molino Grassi che ho usato http://www.molinograssi.it

Mettere a lievitare coperto fino al raddoppio, ci vorranno circa 3 ore. Stendere l’impasto con un po’ di farina e l’aiuto del matterello ottenendo un rettangolo sul quale spennellare il burro fuso, una noce circa. Procedere spalmando la marmellata agli agrumi io ho usato marmellata con agrumi e zenzero di Boschetti Alimentare che ho trovato perfetta per questa ricetta.

Spalmiamo con della marmellata il nostro impasto…

Farcire con le scorzette d’arancia e l’uva passa precedentemente fatta ammorbidire in acqua calda. Arrotolare l’impasto dal lato lungo ottenendo un salsicciotto. Incidere a metà del rotolo lasciando intatto il principio ed intrecciare i due filoni cercando di ottenere una corona.

Ecco il rotolo inciso da intrecciare…

Posizionare sulla placca forno coperta di carta forno e far nuovamente lievitare coperta per altre due ore.

Angelica pronta da infornare…

Cuocere a 180 gradi in forno statico per 40 minuti circa, se dovesse scurire troppo, coprire con carta stagnola verso fine cottura. Lasciar raffreddare e servire coperta di zucchero a velo. Allora siete pronti a provare questa ricetta di Natale?

Ricetta di Natale, angelica vestita a festa! Sentite il profumo?

Sbriciolata con mele e marmellata

Inverno, tempo di mele, dicembre periodo di spezie. Unendo questi ingredienti è nata una favolosa sbriciolata. Perfetta per la colazione o la merenda, facile da fare, versatile, si adatta a molteplici varianti. La farina per esempio può essere sostituita con quella che avete in dispensa, anche la classica 00, per avere un dolce gluten free basterà usare farine senza glutine tipo farina di riso, di castagne, grano saraceno, mais macinata finemente o altro in base al vostro gusto. Al posto delle mele, potete usare le pere, oppure entrambe.

Ecco la ricetta per uno stampo da 26 cm.
Per la frolla:
400 gr di farina (io ho usato 100 gr farina di riso,50 gr di farina di grano saraceno, 100 gr di farina miracolo tipo 1, 100 gr di farina integrale)
2 uova,
120 gr di burro,
150 gr di zucchero,
buccia grattugiata di un’arancia bio,
un pizzico di sale,
una bustina di lievito;
Per il ripieno:
3 mele di medie dimensioni,
succo di un limone oppure di un’arancia,
2 cucchiai di zucchero di canna integrale,
mezzo bicchierino di rum,
una noce di burro,
100 gr circa di marmellata a piacere (io ho usato marmellata di fichi)
zucchero a velo per decorare.
Procedimento: iniziare preparando il ripieno della sbriciolata, sbucciate le mele e tagliatele a tocchetti, in una casseruola sciogliete la noce di burro e metteteci le mele a pezzetti, lo zucchero e fatele leggermente rosolare. Aggiungete il succo di limone o arancia e il rum facendo cuocere coperto per una decina di minuti.

Per preparare la frolla utilizzate un mixer, inserite tutti gli ingredienti miscelandoli per ottenere un composto in briciole. Imburrare ed infarinare lo stampo, versare 2/3 del composto in briciole e pressare con le mani.

Coprire con uno strato di marmellata del gusto preferito e distribuire le mele.

Coprire con le restanti briciole di frolla. Se volete un dolce più goloso alle briciole di copertura potete aggiungere mandorle o nocciole tostate tritare oppure delle gocce di cioccolato.
Cuocere a 180 gradi in forno statico già caldo per circa 35/40 minuti.
Far raffreddare e coprire di zucchero a velo!

Se provate questa ricetta aspetto i vostri scatti su Instagram!

Torta caprese

Se penso alla caprese il primo ingrediente che mi viene in mente e’ il cioccolato fondente. Si fondente, per me almeno al 70%. In cottura assieme alle mandorle crea un profumino delizioso che non passa inosservato. Questa è la ricetta che uso da un sacco di tempo e che mi da un molte soddisfazioni.
Ingredienti per uno stampo da 24 cm:
250 gr di cioccolato fondente almeno al 70% per me Lindt,
250 gr di mandorle ( con la pellicina o senza, per me è indifferente),
150 gr di burro a pezzetti,
200 gr di zucchero semolato,
20 gr di farina tipo 1 (per la versione glutenfree farina di riso),
1 pizzico di sale,
5 uova,
20 gr di cacao,
mezzo bicchierino di rum,
1 cucchiaino di lievito,
zucchero a velo per guarnire.
Procedimento: tritare le mandorle al mixer riducendole molto fini.

Tritare il cioccolato finemente e unirlo alle mandorle.

Montare zucchero e burro per trenta secondi circa, aggiungere le uova, il cacao e la farina setacciati il pizzico di sale ed il lievito amalgamando per un minuto. Aggiungere il rum, il cioccolato e le mandorle amalgamando ancora.


Trasferire l’impasto in uno stampo imburrato ed infarinato.

Cuocere in forno caldo per 50/55 minuti alla temperatura di 160 gradi deve rimanere umida. Lasciar raffreddare, sformare e cospargere di zucchero a velo.Buona caprese!