Articles written by

Luisa in cucina

Muffin salati alla zucca, broccolo e Monte Veronese

Sbucciare la zucca è una scocciatura! Avendo però un po’ di tempo a disposizione si può fare! E’ un frutto di diverse piante appartenenti alla famiglia delle cucurbitaceae. E’ davvero versatile! Quando la apro, dopo averla lavata, una parte la faccio a cubetti e la congelo da usare per il risotto, un’altra parte a pezzettoni anche lei il freezer per minestroni e vellutate, la restante invece la cuocio al forno e la uso per un sacco di altre ricette. Oggi ho preparato dei muffin salati, molto morbidi. Ho aggiunto del broccolo 🥦 bollito (sostituibile con qualsiasi altra verdura cotta tipo zucchine o melanzane)ripassato con olio al peperoncino, del Monte Veronese stagionato a cubetti e dei semi di zucca. E’ proprio una bella ricetta vegetariana..Perfetti per l’aperitivo, una merenda, per il brunch. Farciti con del prosciutto, accompagnati a delle verdure cotte o consumati così.
Ricetta per 9 muffin:
200 gr di zucca cotta al forno,
2 uova,
200 gr di farina (io ho usato 150 gr di farina 1 e 50 gr di farina 2),
75 ml di latte,
75 ml di olio di semi,
sale, pepe e noce moscata q.b.
30 gr di grana padano stagionato grattugiato,
50 gr di monte veronese stagionato,
100 gr di broccolo bollito o cotto al vapore,
mezza bustina di lievito,
un pizzico di bicarbonato,
semi di zucca per completare.
Procedimento: frullare al mixer la zucca cotta al forno e fatta precedentemente raffreddare.

Aggiungere l’olio di semi ed il latte, mescolare bene ottenendo una crema. Aggiungere le uova ed il grana padano grattugiato e mescolare ancora. Ora è il momento di unire le polvere setacciate (farina, bicarbonato, sale, pepe, noce moscata e lievito) azionare il mixer per qualche secondo.

Impasto pronto per essere suddiviso nei pirottini.

Suddividere l’impasto nei 9 pirottini evitando di riempirli troppo.

Muffin salati pronti per essere decorati.

Completare con un cubetto di monte veronese o altro formaggio stagionato, i broccoli cotti al vapore ( i miei conditi con sale e olio al peperoncino) e qualche seme di zucca.

Via in forno!

Cuocere nella parte centrale del forno già caldo (statico) alla temperatura di 180 gradi per circa 30/35 minuti. Buon appetito!

Che profumo goloso!

Torta della nonna

Apriamo il mese di novembre con queste torta buonissima, una versione molto golosa della torta della nonna, guscio di frolla ripieno di crema pasticcera, frolla e pinoli a copertura. La frolla è fatta interamente con farina di farro bio, dall’aspetto un po’ più scuro rispetto alla farina di grano tenero e molto più profumata. La ricetta é di Viviana Dal Pozzo del blog www.cosatipreparopercena.com quello che mi ha stupito di questa ricetta è l’utilizzo del succo di limone che inibisce la legatura del glutine. Con queste dosi ho ottenuta una torta del diametro di 20 cm e circa trenta biscotti oltre a quelli utilizzati per la copertura. Bando alle ciance e avanti con la ricetta della frolla:
500 gr di farina di farro bio,
250 gr di burro,
120 gr di zucchero a velo (io ho usato lo zucchero di canna integrale),
buccia di limone per profumare,
1 uovo e 1 tuorlo (io ho usato 2 uova perché di dimensioni leggermente più piccole rispetto alle comuni),
un pizzico di sale,
qualche goccia di limone,
un cucchiaino di lievito.
Ricetta della crema pasticcera:
6 tuorli d’uovo,
150 gr di zucchero,
750 ml di latte intero,
buccia di limone grattugiata,
65 gr di amido di mais o farina 00,
50 gr di pinoli,
zucchero a velo q.b.
Procedimento: si tratta di un dolce un po’ impegnativo da fare ma il risultato vale l’impegno. La frolla l’ho preparata la sera prima e lasciata riposare in frigo. Sabbiare nell’impastatrice il burro freddo con lo zucchero a velo e la buccia del limone, aggiungere la farina, qualche spruzzata di succo di limone, il pizzico di sale e il lievito, impastare il tempo sufficiente ad ottenere una palla da appiattire, coprire con la pellicola e far riposare in frigo.
Per la crema mettere a scaldare il latte in una casseruola con la buccia del limone, nel frattempo montare i tuorli con lo zucchero per 8/10 minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.

Il composto di uova gonfio e spumoso…

Aggiungere con fruste in movimento i 65 gr di amido di mais setacciati e mescolare evitando la formazione di grumi. Filtrare il latte caldo per togliere le bucce del limone ed aggiungere il composto di uova a fuoco basso continuando a mescolare evitando la formazione di grumi. Appena la crema giunge al bollore togliere dal fuoco, trasferire in un piatto o una terrina e coprire con pellicola alimentare a contatto così che non si formi la pellicina. Lavorare la frolla e stenderla nello stampo imburrato.

Frolla stesa pronta per essere farcita.

Farcire con la crema a temperatura ambiente e coprire con altra frolla, io ho ritagliato con gli stampini tanti cuoricini che ho posizionato a copertura.

Completare con i pinoli e infornare a 180 gradi forno statico già caldo per 45/50 minuti.

Pronta per essere infornata…

Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo prima di servire.

Pronta per essere gustata!

Ciambella al cioccolato

Oggi siamo in versione gluten free con un dolce morbido e profumato che oltre ad essere senza glutine è anche senza burro. I sapori di ricotta e cioccolato si fondono assieme per creare un dolce goloso ma non stucchevole, completa il tutto del cioccolato fondente a scaglie ed un po’ di rum. Questa ricetta l’ho spulciata su un sito di ricette per Bimby, ho modificato qualcosa ed ecco qui la mia versione.
Ricetta per la ciambella:
3 uova,
180 gr di zucchero di canna,
200 gr di farina di riso,
3 cucchiai di cacao amaro,
300 gr di ricotta,
1 pizzico di sale,
100 gr di cioccolato fondente,
qualche cucchiaio di rum,
una bustina di lievito.
Procedimento: sbattere molto bene le uova con lo zucchero, usando il Bimby per circa 2 minuti a velocità 3 usando la farfalla.

Togliere la farfalla ed aggiungere la ricotta mescolando per 30 secondi a velocità 3,profumare con il rum se il dolce è destinato agli adulti, in alternativa si può aggiungere del succo di arancia. Aggiungere le polveri setacciate (farina di riso, lievito e cacao amaro ed amalgamare per 30 secondi a velocità 4.

Aggiungere per ultimo il cioccolato fondente tritato o le gocce di cioccolato. Trasferire l’impasto in uno stampo unto per bene di olio e cosparso di cacao.

Cuocere in forno caldo per 30 minuti circa alla temperatura di 180 gradi.

Far raffreddare prima di trasferire la ciambella su di un piatto da portata.

Danubio dolce con crema Pan di Stelle

Finalmente ho provato a fare il danubio dolce, lo spunto l’ho preso dal blog cookaround la ricetta è davvero valida, come al solito ho apportato qualche modifica sulle farine è diminuito di poco la quantità di burro e di zucchero. Ho aumentato i tempi di lievitazione, secondo l’esperienza dei miei esperimenti con il lievito madre posso dire che se abbiamo voglia di preparare un lievitato, di qualunque natura esso sia, non dobbiamo avere fretta, piuttosto impastiamo il giorno prima e lasciamo lievitare la notte in frigo. Guadagnerà il gusto, la morbidezza ed il profumo del nostro lievitato.
Ecco la mia ricetta del danubio dolce:
350 gr di farina 1 molino Grassi,
100 gr di farina Manitoba biologica molino Grassi,
150 gr di lievito madre rinfrescato,(sostituibile con 1/4 di cubetto di lievito fresco oppure 5 gr di lievito di birra liofilizzato),
100 gr di latte tiepido più qualche cucchiaio per spennellare,
2 uova,
la buccia grattugiata di un limone bio,
80 gr di zucchero di canna,
80 gr di burro morbido,
un pizzico di sale,
mezzo cucchiaino di miele,
crema Pan di Stelle per farcire.
Procedimento: sciogliere il lievito madre nel latte tiepido con il mezzo cucchiaino di miele usando il Bimby per 2 minuti a velocità 1, temperatura 37 gradi.
Aggiungere le farine nel boccale, la buccia grattugiata del limone, lo zucchero di canna, il pizzico di sale, le uova ed il burro morbido.

Ingredienti pronti per il nostro danubio…

Impastare per 2 minuti con modalità spiga. Trasferire l’ impasto sul piano di lavoro e lavorarlo per qualche minuto a mano. Trasferire in un contenitore e mettere a lievitare per qualche ora.

Danubio dopo la prima lievitazione…

Per regolarsi con i tempi, ho iniziato la preparazione nel primo pomeriggio alle 14, lasciato lievitare vicino ai fornelli fino alle 21 e poi ho trasferito in frigo per tutta la notte. Il mattino tolto dal frigo e fatto riprendere temperatura per un paio di ore. Suddividere l’impasto in pezzi dello stesso peso, 12 circa per me.

Suddividiamo l’impasto in pezzi dello stesso peso…

Allargare e posizionare un cucchiaio di crema Pan di Stelle su di ognuno, chiudere e formare una pallina.

Farciamo le palline con crema Pan di Stelle…

Posizionare in uno stampo foderato o imburrato e lasciare nuovamente lievitare fino al raddoppio coperto da pellicola alimentare in forno con la lucina accesa, ci vorranno circa due ore.

Pronto per l’ultima lievitazione…

Pennellare il danubio con il latte e spolverizzare con lo zucchero di canna. Cuocere in forno caldo a 170 gradi per circa 30/35 minuti. Lasciar raffreddare e coprire con lo zucchero a velo.

Dolce lievitato soffice e profumato
Ecco il danubio in tutto il suo splendore!

Ora è pronto per essere gustato!

Bigoli con finferli, melanzane e robiola

?

Oggi è la volta di una bella ricetta di pasta con un condimento di stagione. La pasta per me è un po’ come il cioccolato, se ho voglia di qualcosa di buono è qui che vado a parare. Finferli freschi di provenienza italiana, una bella melanzana grigliata e della robiola fresca a legare il condimento. Ovviamente ho usato della pasta fresca, i bigoli di Armando De Angelis che sono trafilati al bronzo e raccolgono alla perfezione qualsiasi condimento.

Ingredienti per 4 persone:
500 gr di finferli freschi,
una melanzana grigliata di medie dimensioni,
uno spicchio d’aglio,
un mazzetto di prezzemolo fresco,
olio extra vergine d’oliva q.b.,
sale q.b.,
2 confezioni di bigoli Armando De Angelis
100 gr di robiola fresca,
50 gr di grana padano stagionato grattugiato o altro formaggio stagionato a piacere.
Procedimento: pulire e tagliare e pezzetti i funghi finferli, lavarli velocemente e metterli in uno scolapasta a sgocciolare, nel frattempo tagliare le melanzane.

Ecco gli ingredienti di stagione per il nostro sugo

In un tegame capiente far scaldare qualche cucchiaio di olio extra vergine d’oliva con lo spicchio d’aglio, aggiungere i funghi scolati e cuocere per 15 minuti circa, alzando la fiamma se dovessero rilasciare troppa acqua. Non appena saranno cotti regolare di sale e aggiungere la melanzana grigliata tagliata a pezzetti e togliere lo spicchio d’aglio. Spegnere il fuoco ed unire la robiola coprendo con il coperchio in modo che si sciolga amalgamandosi al resto degli ingredienti.

E’ il momento di cuocere la pasta!

Cuocere i bigoli in acqua bollente salata per i minuti indicati sulla confezione, circa 8 minuti. Conservare qualche cucchiaio dell’acqua di cottura se fosse necessaria per il il condimento, scolare la pasta, trasferirla nella casseruola con il resto degli ingredienti e mescolare bene. Completare con il prezzemolo fresco tritato e il grana padano stagionato grattugiato.

Ecco i bigoli pronti da gustare!

Buon appetito!

Roast beef con salsa senapata Boschetti Alimentare Spa

Il roast beef è un secondo piatto che faccio spesso d’estate perché piace a tutti , bambine comprese. Ci vuole poco tempo per prepararlo, si conserva in frigo per qualche giorno, cosa non da poco d’estate quando si ha poca voglia di cucinare complici le temperature calde. Diventa un ottimo antipasto se farcito con insalata russa oppure con del formaggio fresco insaporito con erbe aromatiche. Oggi l’ho accompagnato ad un’insalata fresca e della golosa salsa senapata Boschetti Alimentare.

Ricetta roast beef per 6 persone:
700/800 gr di lombata di manzo
sale aromatico con erbette, un paio di cucchiai
un bicchiere di vino bianco
sedano, carota e cipolla
olio evo q.b.
salsa senapata fichi o pere ? Boschetti Alimentare
Procedimento: Massaggiare il pezzo di carne con il sale alle erbette, io ho usato un sale preparato in casa che si può sostituire con sale mescolato al momento alle erbette lavate, asciugate e tritate al coltello, le classiche che di solito non mancano mai in casa sono rosmarino e salvia.

Tagliare le verdure lavate a tocchetti, cipolla sedano e carote, nel frattempo rosolare in una casseruola o pirofila adatta alla cottura in forno la carne con l’olio facendo attenzione che rosoli bene su tutti i lati senza bucarla evitando così di far uscire i succhi e renderla dura. Aggiungere le verdure a tocchetti e il mezzo bicchiere di vino e trasferire in forno già caldo a 180/190 gradi, modalità statica facendo cuocere per 20/22 minuti, girando trascorsi dieci minuti dall’inizio della cotturae aggiungendo sopra la carne il liquido.

Terminata la cottura lasciar intiepidire la carne avvolgendola nella carta stagnola finché non si sarà completamente raffreddata e si potrà tagliare a fettine dello spessore gradito. Disporle su un vassoio o piatto da portata e accompagnare con dell’ottima salsa senapata, io le ho provate entrambe, fichi e pere.

Buon appetito!


Risotto con speck, rosmarino e fichi freschi

Questa è il momento migliore dell’anno per provare il risotto con i fichi. Quasi terminata la produzione, sono dolci al punto giusto per finire nei nostri piatti. La proposta di oggi li vede abbinati ad uno speck di media stagionatura e del rosmarino che smorzano un po’ la dolcezza del frutto. A completare, una pioggia di pecorino sardo grattugiato a fori larghi così che il risultato finale del piatto renderà felice anche il palato più esigente.

Ricetta per 4 persone:
2 bicchieri di riso ( io ho usato visione nano semi integrale,
mezza cipolla bianca,
qualche gambo di rosmarino fresco,
80 gr di speck media stagionatura tagliato sottile,
olio evo q.b.,
burro q.b.,
brodo vegetale circa un lt,
mezzo bicchiere di vino bianco secco,
pecorino sardo da grattugiare q.b. (oppure del formaggio da grattugiare di media stagionatura di qualsiasi altro tipo),
sale fino q.b.,
4 fichi maturi.
Procedimento: tritare la cipolla con il rosmarino facendo un battuto molto fine che andrete a rosolare nella casseruola con due cucchiai di olio evo.

Appena la cipolla inizia a rosolare aggiungere lo speck tritato fine al coltello e mescolare per amalgamare gli ingredienti. Aggiungere il riso facendolo tostare per un paio di minuti.

Sfumare con il vino ed aggiungere il brodo vegetale caldo mano a mano che il liquido si asciuga portando il risotto a cottura regolando di sale.

A cottura ultimata spegnere il fuoco, aggiungere una noce di burro, il pecorino grattugiato a fori larghi e mescolare bene,impiattare completando con i fichi freschi lavati e tagliati sottili.
Ricordiamoci che se gli ingredienti che utilizziamo per i nostri piatti sono ottimi e di stagione il risultato finale non potrà che essere al top!

Sbriciolata con ricotta di bufala e marmellata di fichi

L’idea per questa torta l’ho avuta assaggiando un dolce simile qualche settimana fa alla Quercia un agriturismo della zona. Ci è stata servita fresca e l’ho trovata davvero ottima, da qui l’ idea di replicarla a modo mio, usando farina tipo 1, ricotta di bufala, la mia marmellata preferita e del rum che ha profumato la sbriciolata. A completare il tutto una pioggia di pinoli sopra le briciole di frolla. E’ un dolce che si adatta a qualsiasi stagione, in estate fredda dopo il riposo in frigo, al contrario quando le temperature sono più fredde, ottima tiepida.

Questa è la ricetta per uno stampo da 24 cm di diametro:
300 gr di farina tipo 1 (sostituibile con farina 00 o 0),
1 uovo,
1 tuorlo,
130 gr di burro freddo,
70 gr di zucchero di canna (o zucchero bianco semolato),
la buccia grattugiata di un limone ? bio,
mezzo cucchiaino di lievito,
un pizzico di sale,
200 gr di ricotta di bufala,
200 gr di marmellata di fichi (per me marmellata di ficho Boschetti Alimentare Spa),
50 gr di pinoli,
qualche cucchiaio di rum,
zucchero a velo da spolverizzare.


Procedimento: Preparare la frolla usando un robot da cucina, polverizzare lo zucchero con la buccia del limone ? lavata ed asciugata, aggiungere in sequenza la farina, il burro tagliato a tocchetti, l’uovo ed il tuorlo, il pizzico di sale ed il lievito. Impastare per il tempo necessario ad ottenere un impasto a briciole da far riposare in frigo finché si prepara il ripieno.

Impasto in briciole della torta

Lavorare la ricotta di bufala con un cucchiaio ed aggiungere il rum, per me 3 cucchiai. Riprendere la frolla, dividerla in due parti, 2/3 serviranno per la base da compattare con le mani nello stampo imburrato o con carta forno. Coprire la base di frolla con la crema di ricotta e distribuire la marmellata a cucchiaiate.

Aggiungiamo la ricotta di bufala e la marmellata di fichi.

Terminare con la restante frolla a briciole ed i pinoli.

Pronta per la cottura

Infornare in forno già caldo alla temperatura di 180 gradi e cuocere per 30/35 minuti. Lasciare raffreddare a temperatura ambiente e trasferire poi in frigo. Spolverizzare con lo zucchero a velo prima di servire.

Pronta per essere gustata!

Torta morbida ai mirtilli

Questa torta è stata una scoperta, una via di mezzo tra un dolce morbido alla ricotta ed una cheesecake che in estate va per la maggiore. La ricetta originale prevedeva una volta cotta e raffreddata che venisse coperta abbondantemente di marmellata, io ho preferito sostituire la marmellata con i mirtilli freschi che ho distribuito sulla crema prima di infornare il dolce. Da fredda ha sostato in frigo una notte et voila’ la colazione é servita. Ultima osservazione, non per importanza, diventa un dolce glutenfree utilizzando la farina di riso.
Ecco gli ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametro:
120 gr di biscotti secchi (io ho usato i rigoli Mulino Bianco;
50 gr di burro fuso (fatto raffreddare);
3 uova;
120 gr di zucchero semolato;
1 cucchiaio di farina (per me farina di riso);
250 gr di ricotta;
250 gr di mascarpone;
200 gr di mirtilli freschi.
Procedimento: Tritare i biscotti al mixer, trasferirli in una terrina e mescolare bene con il burro fuso.

Biscotti tritati mescolati al burro fuso…

Rivestite lo stampo apribile con un cerchio di carta forno, imburrare il diametro dello stampo e versare sulla base il composto di biscotti, con un cucchiaio livellare bene. Nel frattempo montare i tuorli d’uovo con lo zucchero fino a renderli belli spumosi. Aggiungere il cucchiaio di farina, il mascarpone e la ricotta mescolando bene senza smontare il composto e per ultimi gli albumi montati a neve.

Trasferiamo la crema sulla base di biscotti…

Trasferiamo la crema sulla base dei biscotti nello stampo e completare con i mirtilli lavati ed asciugati.

Pioggia di mirtilli prima della cottura…

Cuocere in forno statico già caldo per 40 minuti alla temperatura di 180 gradi. Una volta cotta far raffreddare e trasferire coperta in frigo. La prossima volta che la farò proverò a mixare i mirtilli con i lamponi! Buona torta morbida a tutti!

Eccola cotta a tarda notte..

Muffin cuore di marmellata

Quando voglio fare un dolcetto veloce, preparo i muffin.Si possono fare mille versioni partendo dalla ricetta base variando le farine per esempio oppure aggiungendo all’impasto della frutta fresca, del cioccolato oppure come in questo caso della marmellata.

Ricetta per 12 muffin:
165 gr di farina tipo 1 (andrà benissimo anche la 00),
100 gr di farina di riso,
2 uova,
135 gr di burro morbido,
135 gr di zucchero,
135 gr di latte intero a temperatura ambiente,
i semini di una bacca di vaniglia,
un pizzico di sale;
10 gr di lievito,
mezzo cucchiaino di bicarbonato,
100 gr di marmellata di visciole (per me Boschetti Alimentare Spa),
zucchero a velo per decorare.
Procedimento: lavorare il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema alla quale aggiungere i semi della bacca di vaniglia e le uova. Continuare a lavorare con la frusta o un cucchiaio per amalgamare bene gli ingredienti. Aggiungere il pizzico di sale e le farine setacciate con il lievito ed il bicarbonato continuando a lavorare l’impasto. Aggiungere per ultimo il latte ed amalgamare bene.

Suddividere il composto ottenuto in 12 stampini di alluminio imburrati ed infarinati (l’impasto non deve superare i due terzi dello stampino).

Completare con un cucchiaino di marmellata di visciole sopra ad ogni muffin.

Cuocere in forno statico già caldo alla temperatura di 160 gradi per 25/30 minuti facendo la prova stecchino per verificare la cottura. Far raffreddare e completare con lo zucchero a velo.