Tagged with

ricette vegetariane

Gnocchi alle ortiche

In queste giornate lunghe di quarantena di sole e caldo è una fortuna non da poco avere il giardino e un campo dietro casa dove fare qualche breve passeggiata con bambine e cani al seguito. In una di queste passeggiate abbiamo raccolto un bel bottino di ortiche e ci siamo cimentate nella preparazione degli gnocchi alle ortiche. Semplici, veloci da fare e poi che soddisfazione prepararli in casa.
Ecco la ricetta per 4 persone:
500 gr di patate,
150 gr di ortiche bollite,
150 gr circa di farina (io ho usato farina tipo 1),
un uovo,
sale, pepe, noce moscata q.b.,
burro, salvia e ricotta affumicata grattugiata della Lessinia.
Procedimento: lavare le foglie di ortica (con i guanti 🧤 mi raccomando) e lessarle per 5/6 minuti in poca acqua. Scolarle, lasciarle raffreddare e tritarle fino al coltello. Lessare le patate con la buccia in acqua leggermente salata, ci vorranno dai 20 ai 30/35 minuti in base alle dimensioni, sono cotte quando infilzandole la forchetta non fa fatica ad entrare. Scolarle, farle intiepidire sbucciarle e passarle al passa patate sul piano di lavoro.

Creare una conca nella quale metteremo le ortiche tritate, l’uovo, noce moscata, sale e pepe ed iniziare ad amalgamare gli ingredienti. Aggiungere la farina poco alla volta, la quantità necessaria dipende dall’impasto.

Una volta raggiunta la giusta consistenza dividiamo l’impasto in 4/6 parti ed iniziamo a lavorarlo per ottenere dei filoncini da tagliare al coltello per ottenere gli gnocchi che metteremo a riposare su un vassoio cosparso con un po’ di farina.

Cuocere gli gnocchi pochi alla volta, in acqua bollente salata, scolarli e condirli con burro fuso, salvia e una bella grattugiata di ricotta grattugiata della Lessinia.

Buon appetito a tutti!

Torta pasqualina

Come dice il nome, la torta pasqualina si prepara in questo periodo dell’anno. E’ una torta salata di origine ligure, un guscio di pasta sfoglia fatta di 33 sottilissimi strati e farcita di biete, carciofi, ricotta, altri formaggi e le immancabili uova. Oggi spesso si replica utilizzando la pasta sfoglia pronta, che semplifica e rende veloce la preparazione. Io l’ho preparata usando la pasta matta, impasto spiccio da preparare con una buonissima resa perché è elastica al punto giusto e facile da stendere. Spinaci freschi, ricotta di pecora e uova di galline felici per il mio ripieno.

Ecco gli ingredienti della pasqualina:
300 gr di farina tipo 1,
100 ml di acqua gasata,
50 ml di vino bianco,
50 ml di olio extra vergine di oliva,
un cucchiaino di sale,
250 gr di spinaci freschi cotti,
250 gr di ricotta di pecora,
2 o 3 uova,
sale, pepe e noce moscata q.b.,
grana padano grattugiato q.b.,
pane grattugiato (potrebbe servirne qualche cucchiaio se il ripieno risulta troppo morbido).
Procedimento: prepariamo la pasta matta, utilizzando un frullatore o impastatrice impastiamo gli ingredienti in questa sequenza, acqua, vino, olio evo, farina e sale, lavoriamo l’impasto e mettiamo a riposare per mezz’ora coperto con uno strofinaccio.

Per il ripieno invece, laviamo gli spinaci e li facciamo stufare in una casseruola coperta senza aggiunta di acqua per una decina di minuti, scoliamo, facciamo raffreddare e tritiamo bene.

Sgoccioliamo la ricotta, uniamo gli spinaci, sale, pepe, noce moscata a piacere e del grana padano grattugiato o altro formaggio a piacere.

Dividiamo l’impasto in due parti e stendiamo con il mattarello in due sfoglie sottili, con la prima rivestiamo uno stampo precedentemente oliato o coperto di carta forno, appoggiamo il ripieno creando con il cucchiaio due o tre conche nelle quali sgusciare le uova, io ne ho utilizzato due per uno stampo da 20 cm, con uno stampo più grande andranno bene 3 o 4 uova.

Copriamo con l’altra sfoglia facendo un bel bordo e bucherellando la superficie in qualche punto. Facciamo cuocere in forno già caldo alla temperatura di 170/ 180 gradi per 40/45 minuti.

Buona pasqualina a tutti!

Hamburger vegetariani ai ceci

Si sa quanto fanno bene i legumi, dovrebbero essere presenti spesso sulle nostre tavole. Adoriamo le lenticchie e le prepariamo spesso, i ceci un po’ meno, questa è la ricetta giusta per mettersi all’opera. Hamburger vegetariani, volendo anche vegani basterà omettere il formaggio magari aggiungendo altre erbe aromatiche o spezie. Assieme ai ceci il cavolo romano cotto a vapore a colorare il nostro hamburger, il resto è più facile da fare che scrivere, un po’ di fantasia ed il gioco è fatto! Come lo serviamo? Nel classico panino morbido oppure accompagnato a verdure grigliate o come abbiamo fatto noi ad una bella insalata fresca.

Ingredienti per 8 hamburger:
200 gr di ceci lessi (vanno bene anche in scatola),
150 gr di cavolo romanesco cotto al vapore,
2 cucchiai di prezzemolo tritato fresco,
mezzo cucchiaino di curcuma o curry,
sale e pepe q.b.
2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato,
2/3 cucchiai di pane grattugiato (per me integrale),
olio evo q.b.
Procedimento: lessare i ceci secchi, (li ho messi in ammollo per 12 ore in acqua fredda e cotti poi in pentola a pressione per 12 minuti circa), se invece usate quelli in scatola sciacquarli bene, cuocere a vapore il cavolo romanesco tagliato a pezzi di piccole dimensioni.

Tritare in un mixer cavolo e ceci, trasferire in una terrina e aggiungere il prezzemolo, sale e pepe, il formaggio e le spezie.

Mescolare bene per vedere la consistenza del composto che deve essere lavorabile con le mani quindi ne troppo molle ne troppo duro. Aggiungere il pane grattugiato, sono stati sufficienti due cucchiai.

Su una placca forno rivestiva di carta forno usando un coppa pasta con l’aiuto di un cucchiaio formare gli hamburger. Completare con un giro di olio extra vergine di oliva e cuocere in forno caldo alla temperatura di 160 gradi per 15 minuti circa.

Sono buonissimi anche freddi il giorno dopo!


Buon appetito!

Cous Cous con cavolo romanesco

Il cous cous è un piatto veloce da preparare ed è molto buono riscaldato anche il giorno dopo. Perfetto quindi da portare per la pausa pranzo in ufficio.Quello preparato oggi è molto semplice da replicare e si può personalizzare in base ai gusti. Ho utilizzato il cavolo romanesco, verdura di stagione e anche l’acqua di cottura. Per renderlo più appetitoso ho aggiunto dei pomodorini secchi sott’olio e qualche acciuga, ci potrebbe star molto bene anche della zucca a cubetti cotta al forno o fatta saltare in padella e della ricotta affumicata grattugiata. Volendo sostituire il peperoncino invece si potrebbe usare la curcuma. Volete renderlo invece vegano? togliete le acciughe ed il gioco è fatto!


Ecco la ricetta per 4 persone:
140 gr di cous cous integrale, (io ho usato cous cous integrale di grani italiani di Alce Nero http://www.alcenero.com)
un cavolo romanesco,
6 cucchiai di olio evo,
4 filetti di acciuga,
uno spicchio d’aglio,
qualche pomodoro secco sott’olio,
sale e pepe q.b.,
peperoncino secco q.b.,
dado vegetale.
Procedimento: lavare il cavolo romanesco e tagliarlo a pezzetti, cuocerlo in abbondante acqua leggermente salata, scolarlo conservando l’acqua di cottura.

In una casseruola scaldare quattro cucchiai di olio extra vergine con lo spicchio d’aglio, i filetti di acciuga e il peperoncino mescolando bene per farli sciogliere. Aggiungere il cavolo bollito, regolare di sale e pepe e togliere lo spicchio d’aglio.

Nel frattempo in una padella versare 2 cucchiai di olio extra verginee tostare il cous cous mescolando con un cucchiaio di legno per un paio di minuti, aggiungere 200 gr di acqua di cottura del broccolo calda e del dado vegetale, mescolare e coprire con il coperchio spegnendo il fornello.

Lasciar riposare per qualche minuto, sgranare il cous cous con una forchetta e trasferirlo nella casseruola con il cavolo romanesco facendolo insaporire bene.

Servire caldo.

Muffin salati alla zucca, broccolo e Monte Veronese

Sbucciare la zucca è una scocciatura! Avendo però un po’ di tempo a disposizione si può fare! E’ un frutto di diverse piante appartenenti alla famiglia delle cucurbitaceae. E’ davvero versatile! Quando la apro, dopo averla lavata, una parte la faccio a cubetti e la congelo da usare per il risotto, un’altra parte a pezzettoni anche lei il freezer per minestroni e vellutate, la restante invece la cuocio al forno e la uso per un sacco di altre ricette. Oggi ho preparato dei muffin salati, molto morbidi. Ho aggiunto del broccolo 🥦 bollito (sostituibile con qualsiasi altra verdura cotta tipo zucchine o melanzane)ripassato con olio al peperoncino, del Monte Veronese stagionato a cubetti e dei semi di zucca. E’ proprio una bella ricetta vegetariana..Perfetti per l’aperitivo, una merenda, per il brunch. Farciti con del prosciutto, accompagnati a delle verdure cotte o consumati così.
Ricetta per 9 muffin:
200 gr di zucca cotta al forno,
2 uova,
200 gr di farina (io ho usato 150 gr di farina 1 e 50 gr di farina 2),
75 ml di latte,
75 ml di olio di semi,
sale, pepe e noce moscata q.b.
30 gr di grana padano stagionato grattugiato,
50 gr di monte veronese stagionato,
100 gr di broccolo bollito o cotto al vapore,
mezza bustina di lievito,
un pizzico di bicarbonato,
semi di zucca per completare.
Procedimento: frullare al mixer la zucca cotta al forno e fatta precedentemente raffreddare.

Aggiungere l’olio di semi ed il latte, mescolare bene ottenendo una crema. Aggiungere le uova ed il grana padano grattugiato e mescolare ancora. Ora è il momento di unire le polvere setacciate (farina, bicarbonato, sale, pepe, noce moscata e lievito) azionare il mixer per qualche secondo.

Impasto pronto per essere suddiviso nei pirottini.

Suddividere l’impasto nei 9 pirottini evitando di riempirli troppo.

Muffin salati pronti per essere decorati.

Completare con un cubetto di monte veronese o altro formaggio stagionato, i broccoli cotti al vapore ( i miei conditi con sale e olio al peperoncino) e qualche seme di zucca.

Via in forno!

Cuocere nella parte centrale del forno già caldo (statico) alla temperatura di 180 gradi per circa 30/35 minuti. Buon appetito!

Che profumo goloso!