Tagged with

farina di riso

Crackers glutenfree alla cipolla

Questa ricetta nasce dall’esigenza di creare un piatto che avesse come ingredienti la farina di riso e le cipolle, cercando sul web ho trovato dei crackers alla cipolla che mi hanno incuriosito e ho preso spunto per questo goloso aperitivo. Li ho serviti con dell’ottima salsa senapata ai peperoni di boschetti alimentare http://www.boschetti1891.it monte veronese a media stagionatura e un buon bardolino chiaretto fresco.
Ecco la ricetta per circa 40 crackers di piccole dimensioni:
260 gr di farina ( io ho usato 100 gr di farina di riso, 50 gr di farina di grano saraceno, 50 di amaranto e 60 gr di farina di ceci)
5 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
30 gr di semi di sesamo dorati,
mezzo bicchiere circa di acqua gasata,
sale, pepe q.b,
un uovo,
mezza cipolla tritata.

Procedimento: In una terrina versiamo le farine e i semi di sesamo.

Mescoliamo con un cucchiaio, creando un buco al centro nel quale versiamo i 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva, il sale, il pepe e misceliamo grossolanamente, aggiungiamo l’uovo e l’acqua gasata, la quantità dipende dalle farine usate, a me ne sono serviti circa 200 ml, dobbiamo ottenere un impasto non troppo appiccicoso.

Per ultima aggiungiamo la cipolla tritata a cubetti fini fini, io ho usato una cipolla novella.

Trasferiamo l’impasto sul piano di lavoro e facciamo una palla che faremo riposare coperta nella pellicola per mezz’ora. Trascorso il tempo di riposo, stendiamo l’impasto con l’aiuto di un mattarello e se serve un po’ di farina di riso, ritagliamo i crackers con uno o più stampini di forme diverse, io li ho bucherellati con una forchetta.

Cuociamo per 18/20 minuti in forno statico già caldo a 170/180 gradi. Serviamo con formaggio semi stagionato e della salsa senapata ai peperoni.

Dimenticavo, noi li abbiamo accompagnati a del bardolino chiaretto fresco!

Torta golosa di carote glutenfree

Quanto è buona la torta di carote? A me piace un sacco.. ho provato e riprovato molte ricette prima di arrivare a questa che mi sembra perfetta. Adatta ai celiaci perché ho usato farina di riso della riseria melotti http://www.melotti.it e di grano saraceno che conferisce ai dolci un gusto rustico e profumato. Normalmente si usa per le torte da farcire con marmellata ai frutti rossi tipiche del Trentino. Questa versione è buonissima semplice anche senza il cioccolato e le nocciole che possono essere sostituite con noci o mandorle in base ai gusti. Sta a voi provare la versione che preferite.
Ingredienti per una ciambella di 26 cm di diametro:
3 uova,
180 gr di zucchero semolato,
300 gr di carote,
150 gr di olio di semi o di oliva leggero,
120 gr di farina di riso,
120 gr di farina di grano saraceno,
mezza bustina di lievito vanigliato,
50 gr di cioccolato fondente,
50 gr di nocciole tostate.
Procedimento: lavare e sbucciare le carote tagliarle a pezzi e frullare nel mixer assieme all’olio, dobbiamo ottenere una cremina. A parte montare le uova con lo zucchero per qualche minuto, giusto il tempo che si gonfino bene, aggiungere alle uova montate la crema di carote e le farine setacciate trai di loro con il lievito mescolando bene.

adoro questi colori… mi mettono di buonumore!

Trasferire il composto in uno stampo imburrato e infarinato oppure coperto di carta forno.

Completare con le nocciole e il cioccolato tritati al coltello oppure al mixer in base alla consistenza che volete ottenere, io le preferisco tritate grossolanamente, danno l’idea del goloso.

Che dite, non è bella?

Cuocere il forno caldo alla temperatura di 180 gradi modalità statica per 45/50 minuti. Io l’ho cotta nel fornetto sul gas per lo stesso tempo a fornello medio basso. Fare la prova stecchino prima di sfornare!

La colazione è pronta!

Plumcake con porri, robiola, zafferano e pancetta

In passato ho usato raramente i porri, non so dire di preciso il perché. Da qualche anno però li acquisto spesso quando finisco le scorte di quelli dell’orto che congelo a rondelle. Si possono usare in tante ricette, dalle più semplici e scontate come il minestrone o la zuppa, alle più particolari come il plumcake salato che ho preparato oggi. È risultato profumato e delicato. Come sempre un occhio di riguardo all’uso delle farine che possono essere variate in base a quello che avete in dispensa, il risultato sarà comunque ottimo. La farina di farro, acquistata al molino Bertolini di Caprino Veronese, mentre la farina di riso è di Melotti http://www.melotti.it Merita assolutamente di essere provato.

Ecco la ricetta per un uno stampo da 26 cm:
1 porro (circa 150 gr),
2 uova,
100 gr di farina di riso (io ho usato farina della riseria Melotti),
100 gr di farina di farro integrale,
180 gr di robiola,
150 ml di latte intero,
2 cucchiai 🥄 di grana padano stagionato grattugiato,
50 gr di pancetta,
2 cucchiai di olio evo,
sale e pepe q.b.,
noce moscata grattugiata a piacere, qualche pistillo di zafferano,
mezza bustina di lievito per torte,
un pizzico di bicarbonato.
Procedimento: lavare, tagliare il porro a rondelle e farlo stufare in una casseruola assieme all’olio extra vergine d’oliva mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere, se serve, poca acqua regolando di sale e portando a cottura, ci vorranno circa 15 minuti.

Nel frattempo sbattere le uova con il latte, i pistilli dello zafferano, la robiola, il sale, il pepe, la noce moscata e il formaggio grattugiato. Aggiungere le farine setacciate assieme al lievito ed il bicarbonato. Mescolare bene e aggiungere la pancetta a cubetti e metà dei porri cotti.

Rivestire uno stampo da plumcake con della carta forno e versare l’impasto. Completare la superficie del plumcake con i porri rimasti.

Cuocere in forno caldo modalità statica a 180 gradi per 45 minuti. Fare la prova stecchino per verificare la cottura.

Inviato da iPhone

Biscotti rustici farciti con marmellata

Il tempo in questi giorni di novembre non è dei migliori, piove ed inizia a far freddo, è il periodo giusto per preparare i biscotti che sono perfetti per le feste che stanno per arrivare. Per prepararli ho usato tre diversi tipi di farina:di castagne, di riso e di grano saraceno e quindi adatte anche ai celiaci essendo gluten free. Ho usato queste farine per far provare alle bambine dei gusti diversi dai classici frollini anche questo è un modo per abituarle a provare un po’ di tutto. Ricetta per 20 biscotti farciti:
100 gr di farina di castagne,
100 gr di farina di riso,
100 gr di farina di grano saraceno,
120 gr di burro,
1 uovo e 1 tuorlo,
80 gr di zucchero di canna,
un pizzico di sale,
1 cucchiaino di lievito,
una bustina di vanillina oppure i semi di mezza bacca di vaniglia,
marmellata di visciole Boschetti Alimentare,
zucchero a velo per guarnire.
Preparare la frolla procedendo in questo modo: ridurre in polvere lo zucchero di canna in un mixer, aggiungere il burro freddo a tocchetti, le farine, le uova, il pizzico di sale, la vanillina oppure i semi della bacca e per ultimo il cucchiaino di lievito. Impastare gli ingredienti velocemente per ottenere una frolla da mettere avvolta nella pellicola alimentare in frigo a riposare per almeno un paio di ore.

Impasto dei biscotti pronto per essere steso.

Trascorso il tempo del riposo lavorare l’impasto con l’aiuto di un matterello stendendolo ad uno spessore di 4/5 mm. Ritagliare biscotti in numero pari.

Ritagliamo i biscotti con lo stampino.

Sulla metà dei biscotti con uno stampino piccolino effettuare una foratura al centro. Trasferire i biscotti sulla teglia da forno rivestita di carta forno e cuocere a 170/180 gradi in forno già caldo per circa 12/15 minuti. Sono pronti quando iniziano a colorare leggermente. Una volta cotti farli raffreddare e mettere un cucchiaino di marmellata al centro di ognuno.

Un cucchiaino di marmellata su ciascun biscotto.

Coprire con le metà forate dei biscotti precedentemente spolverizzate di zucchero a velo.

Ecco i biscotti di copertura decorati con lo zucchero a velo.

Muffin cuore di marmellata

Quando voglio fare un dolcetto veloce, preparo i muffin.Si possono fare mille versioni partendo dalla ricetta base variando le farine per esempio oppure aggiungendo all’impasto della frutta fresca, del cioccolato oppure come in questo caso della marmellata.

Ricetta per 12 muffin:
165 gr di farina tipo 1 (andrà benissimo anche la 00),
100 gr di farina di riso,
2 uova,
135 gr di burro morbido,
135 gr di zucchero,
135 gr di latte intero a temperatura ambiente,
i semini di una bacca di vaniglia,
un pizzico di sale;
10 gr di lievito,
mezzo cucchiaino di bicarbonato,
100 gr di marmellata di visciole (per me Boschetti Alimentare Spa),
zucchero a velo per decorare.
Procedimento: lavorare il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema alla quale aggiungere i semi della bacca di vaniglia e le uova. Continuare a lavorare con la frusta o un cucchiaio per amalgamare bene gli ingredienti. Aggiungere il pizzico di sale e le farine setacciate con il lievito ed il bicarbonato continuando a lavorare l’impasto. Aggiungere per ultimo il latte ed amalgamare bene.

Suddividere il composto ottenuto in 12 stampini di alluminio imburrati ed infarinati (l’impasto non deve superare i due terzi dello stampino).

Completare con un cucchiaino di marmellata di visciole sopra ad ogni muffin.

Cuocere in forno statico già caldo alla temperatura di 160 gradi per 25/30 minuti facendo la prova stecchino per verificare la cottura. Far raffreddare e completare con lo zucchero a velo.

Crostata con marronata, ricotta e cioccolato al profumo di rum

Questa è una bella idea per San Valentino, su Instagram già da qualche tempo le gallerie sono colme di cuori e di cioccolato così ho deciso di preparare un mio cavallo di battaglia, la crostata! Brava direte voi, e allora? Ho fatto una bella frolla glutenfree con farina di castagne e di riso profumata al rum con un doppio ripieno fatto di uno strato di ricotta freschissima guarnita di gocce di cioccolato fondente e uno di marronata Boschetti per renderla perfetta! Per questa ricorrenza l’ho decorata con tanti cuoricini di frolla. Ecco la ricetta per uno stampo da 24 cm:
170 gr di farina di castagne
80 gr di farina di riso
1 uovo
1 pizzico di sale
80 gr di burro
70 gr di zucchero di canna
un cucchiaino di lievito vanigliato
qualche cucchiaio di rum
250 gr di ricotta
50 gr di gocce di cioccolato
200 gr di marronata Boschetti
zucchero a velo per decorare
Procedimento: preparare la frolla riducendo in polvere al mixer lo zucchero di canna, aggiungere le farine, l’uovo, il burro tagliato a cubetti, il rum, il pizzico di sale ed il lievito, impastare velocemente per ottenere una frolla da far riposare in frigorifero per mezz’ora. Stendere la frolla con l’ aiuto del matterello e posizionarla nello stampo rivestito di carta forno oppure imburrato ed infarinato ritagliando i bordi e bucherellare con una forchetta.

Riempire con la crema di ricotta precedentemente lavorata in una terrina con le gocce di cioccolato e coprire con la marronata.

Lavorare i ritagli di pasta frolla per decorare la superficie con la classica griglia oppure con degli stampini.

Cuocere in forno già caldo per 30/35minuti a 180 gradi in forno statico.

Far raffreddare e decorare con zucchero a velo. Buon San Valentino a tutti!

Cuor di cotognata

Passate le vacanze da poco, non passa però la voglia di dolcetto, soprattutto per la colazione che è il pasto più importante della giornata. Io che amo le farine alternative e cerco di variarle il più spesso possibile ho preparato degli ottimi biscotti con il cuore di marmellata per la precisione con la cotognata, cotognata Boschetti per la precisione che ci è piaciuta molto perché è dolce al punto giusto senza risultare stucchevole. E del profumo che dire? In cottura il mix di farine e cotognata ha diffuso in cucina una fragranza molto golosa. La cotogna è un frutto poco usato dal gusto particolare ed astringente risulta però ottima cotta o come marmellata data la ricchezza di pectina. I biscotti di oggi sono piaciuti a tutti, croccantini al punto giusto per la presenza di farina di mais e riso, dolci ma non troppo per la marmellata di cotogne. Alice li ha soprannominati cuor di cotognata quindi d’ora in poi li chiameremo così.

Ingredienti per 20 cuor di cotognata: 120 gr di farina tipo 1, 50 gr di farina di riso, 50 gr di farina di mais per dolci (tipo fioretto), 100 gr di burro, 1 uovo, 100 gr di zucchero, la buccia grattugiata di un limone, una bustina di vanillina, un cucchiaino di lievito, marmellata di cotogne q.b, zucchero a velo per la copertura.

Procedimento: Prepariamo la frolla al mixer inserendo nel boccale le farine, lo zucchero, il burro tagliato a cubetti, la buccia del limone, l’uovo la vanillina ed il lievito.

Lavoriamo gli ingredienti per ottenere un composto in briciole  che compatteremo con le mani e faremo riposare in frigo per almeno mezz’ora.

 Riprendiamo la frolla e la stendiamo con l’aiuto del matterello e un pò di farina ottenendo uno spessore di pochi millimetri. Ritagliamo con uno stampino i nostri biscotti, io ho usato una formina a mela ma andrà benissimo anche un bicchiere. Dobbiamo ottenere un numero pari di biscotti perchè una volta farciti andranno sovrapposti. Mettiamo mezzo cucchiaino di marmellata su ogni biscotto, copriamo con un altro biscotto e chiudiamo i bordi facendo pressione con le dita oppure ci aiutiamo con una forchetta. Incidiamo con un coltello la superficie del biscotto per  evitare che si gonfi troppo e che fuoriesca dai lati la marmellata in cottura.

Posizioniamo i biscotti sulla placca forno rivestita di carta forno e cuociamo in forno già caldo alla temperatura di 180 gradi per 12-15 minuti, in forno statico.

Attenzione a non farli scurire troppo. Una volta cotti li facciamo raffreddare e li spolverizziamo di zucchero a velo.

I miei “Settembrini” biscotti alternativi

Chi mi segue su Instagram conosce la mia passione per farine poco raffinate ed alternative, sono sempre alla ricerca di ricette in cui usarle. Questi biscotti sono un ottimo compromesso fra il desiderio di un dolcetto fatto in casa e l’idea di utilizzare ingredienti buoni e farina poco lavorate. Come al solito le farine che ho usato io possono ovviamente essere sostituite con la classica farina 00 o farina 0. Nei 400 gr totali di farine ho usato 50 gr di farina di mandorle, che ho preparato in casa al momento con il Bimby tritando le mandorle pelate. Ecco la ricetta dei miei biscotti, con questa quantità ho ottenuto circa una ventina di biscotti di dimensioni medie, ovviamente si possono fare anche più piccoli.
Ingredienti:
200 gr di farina di semola senatore cappelli
150 gr di farina di riso
50 gr di farina di mandorle
la buccia di un limone biologico
100 gr di zucchero
2 uova
1 cucchiaino di lievito
150 gr di burro
marmellata di fichi
zucchero a velo per coprire
Procedimento: Ho iniziato tritando 50 gr di mandorle senza buccia per 10 secondi alla velocità 10 per ottenere una farina, polverizziamo lo zucchero assieme alla buccia a tocchetti, lavata ed asciugata del limone, ho usato il Bimby a velocità 9 per 10 secondi. Aggiungiamo nel boccale gli altri ingredienti: le farine, il burro a pezzetti le uova ed il lievito ed impastiamo per circa 20 secondi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Trasferiamo l’ impasto sul piano da lavoro e compattiamo dando la forma di un panetto che faremo riposare avvolto nella pellicola per almeno mezz’ora in frigo. Trascorso il riposo riprendiamo L impasto e lo stendiamo con mattarello e farina se serve, cercando di ottenere un rettangolo, spalmiamo metà rettangolo con la marmellata lasciando libero un po’ di bordo e chiudiamo a portafoglio. Trasferiamo sulla placca forno coperta di carta e cuociamo in forno statico già caldo per mezz’ora a 180/190 gradi. Terminata la cottura tiriamo fuori dal forno, facciamo raffreddare un po’ e tagliamo il rettangolo in tanti biscotti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando saranno  completamente freddi possiamo cospargerli di zucchero a velo! A proposito… se vi capita di gironzolare per Instagram mi trovate come “lamiacucinaaromatica” il nome l’ha inventato la mia bambina Alice e ci sono molto affezionata!!

Occhi di bue con nocciolata Rigoni

E’ tradizione che i primi giorni di scuola a colazione faccio trovare ad Alice gli occhi di bue, quest’ anno anche Anna ha gradito un biscotto, seduta sul seggiolone sorseggiando il latte dal biberon. Li facciamo con la nocciolata Rigoni che e’ di una bontà assoluta. In alternativa si possono farcire con marmellata o crema al pistacchio. Questa e’ la mia versione, io ho utilizzato farina 1 e farina di riso perché cerco di utilizzare il più possibile farine poco raffinate, si può comunque utilizzare farina 0 o 00.
Ecco gli ingredienti per circa 20 occhi di bue (40 biscotti in tutto):

150 gr di farina 1
50 gr di farina di riso
100 gr di burro freddo
75 gr di zucchero di canna
due tuorli d’uovo
un pizzico di sale
la buccia di mezzo limone bio
una bustina di vanillina o essenza di vaniglia
nocciolata Rigoni
zucchero a velo
Procedimento: La preparazione di questi biscotti è di una semplicità assoluta, se abbiamo a disposizione frullatore o il Bimby come ho fatto io, in pochissimi minuti la frolla è pronta, la facciamo riposare in frigo per almeno mezz’ora ed il gioco è fatto. Iniziamo tritando lo zucchero di canna assieme alla buccia lavata ed asciugata del nostro limone bio. Tritiamo per 10 secondi ad alta velocità in modo da ottenere un composto in polvere. Aggiungiamo a seguire la farina, il burro tagliato a pezzi, i due tuorli d’uovo e la vanillina o essenza di vaniglia ed il pizzico di sale. Mescoliamo velocemente per impastare gli ingredienti, con il Bimby sono sufficienti 20 secondo a velocità 5. Otteniamo una frolla da compattare con le mani ed avvolgere nella pellicola per farla riposare in frigo per almeno mezz’ora.

 

 

 

 

 

 

 

 

Trascorso il riposo riprendiamo l’impasto e lo stendiamo sul piano di lavoro aiutandoci con un po’ di farina ed il mattarello lavorando per ottenere un impasto di pochi millimetri dal quale ricavare i nostri biscotti. Io utilizzo come stampo un bicchiere e per la metà dei biscotti che devono avere il classico buco utilizzo un tappo di un bottiglia di plastica, nulla toglie che posiamo farli di qualsiasi forma (cuore, stella, ecc.). Mettiamo i nostri biscotti sulla teglia da forno, ricoperta di carta forno e li facciamo cuocere per 10/12 minuti alla temperatura di 170 gradi in forno già caldo. E’ importante controllare la cottura perché i biscotti devono rimanere belli chiari perché se cuociono troppo rischiano diventare  friabili. Terminata la cottura li facciamo raffreddare, io cospargo di zucchero a velo i biscotti che vanno sopra (quelli con il buco).

 

 

 

 

 

 

 

 

Mettiamo su ciascun biscotto intero un cucchiaino di nocciolata Rigoni cercando di spalmarla un po’.

 

 

 

 

 

 

 

 

Copriamo con il biscotto decorato di zucchero e trasferiamo sul piatto da portata. Noi li abbiamo mangiati a colazione e voi quando li mangerete?

Dolce con uva fragola biologica

Settembre tutto sommato è ancora lontano, ma in giardino questa settimana c’era un profumo fantastico di uva fragola segnale che è il matura al punto giusto ed è il momento di usarla per qualche ricettina prima che gli uccellini si accorgano della presenza e che ne approfittino per mangiarla.
Ho cercato quindi sul web qualche idea ed ho visto che ci sono parecchie ricette sia dolci che salate, la mia attenzione però è caduta su una ricetta del blog contemporaneo.food, ricetta con pochi ingredienti, l’olio extra vergine di oliva al posto del burro e che suggerisce l’utilizzo di farine alternative.
L’ho provata subito senza perdere tempo e riporto sotto la mia versione:
Ingredienti per uno stampo da 22 cm:
300 gr di farina 00 ( io ho usato farina tipo 2 150 gr e farina di riso 150 gr )
1 uovo a temperatura ambiente
120 gr di zucchero di canna
8 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
200 ml di latte intero
1 pizzico di sale
mezza bustina di lievito vanigliato
500 gr di uva fragola
zucchero a velo q.b.
Procedimento:Iniziamo lavando ed asciugando bene l’uva fragola. In una terrina lavoriamo l’uovo con 80 gr di zucchero di canna aggiungiamo i cucchiai di olio extra vergine di oliva e lavoriamo mescolando bene con il cucchiaio per qualche minuto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungiamo le farine di riso e tipo 2 setacciate assieme alternando al latte e mescoliamo bene per amalgamare gli ingredienti. Aggiungiamo il pizzico di sale e la mezza bustina di lievito continuando a mescolare. A questo punto aggiungiamo circa 100 gr di uva e la amalgamiamo al composto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Trasferiamo l’impasto nello stampo oliato e infarinato nella circonferenza e con carta forno a coprire la base e completiamo con i restanti acini  di uva  asciutti e lo zucchero di canna in superficie.

 

 

 

 

 

 

 

 

Cuociamo il nostro dolce per mezz’ora in forno già caldo alla temperatura di 180 gradi per 30/35 minuti.
Lasciamo raffreddare e spolverizziamo di zucchero a velo!